Athame, il controllo delle energie

magia wicca strumento athame

♠ Magia Wicca: l’Athame

L’Athame è un particolare pugnale che, in base alle tradizioni, può essere a doppia o singola lama. L’impugnatura è solitamente nera, in quanto il nero è l’assenza di colore ed è in grado di assorbire le energie negative e dissolverle. L’Athame viene usato nelle cerimonie o nella creazione dei cerchi proprio per il suo potere di controllo delle energie. Come allontanata quelle negative e gli impedisce di interferire, controlla molto bene anche quelle positive che vengono chiamate per svolgere determinati compiti. L’Athame generalmente non viene usato in modo pratico, quindi per tagliare, incidere e cose del genere. Per quello si usa il Bolline, un coltello a manico bianco, destinato proprio a tutte le azioni pratiche.

Generalmente L’Athame è legato al simbolo maschile e all’elemento Fuoco, ma spesso è anche associato all’elemento Aria.

♠ TROVARE L’ATHAME

La ricerca dell’Athame non è sempre facile. Si potrebbe andare in coltelleria, ma oltre a non trovare ciò che fa per te, potrebbe costare parecchio. Io ho trovato il mio in un negozio di antiquariato, ma tu puoi cercare nelle fiere, nei banchi dei pegni e anche in quei negozietti che vendono tutto a 1 euro. Penso che l’Athame, come la Bacchetta e la Coppa, potresti trovarlo davvero nel luogo meno probabile! E’ anche vero che i nostri tempi moderni ci permettono di trovare qualsiasi cosa attraverso internet. L’importante è non prenderne uno a caso. Scegli l’Athame adatto a te!

L’Athame è uno strumento con cui devi prendere confidenza. Puoi decidere di incidere dei simboli sul manico o direttamente sulla lama, oppure decorarlo e personalizzarlo. Devi farlo tuo, perché l’Athame è tra gli strumenti più importanti e usati.

Molti wiccan, oltre l’Athame, decidono di usare la spada per via delle affinità comuni. Io, per esempio, possiedo un Athame, legato all’elemento Fuoco, ma spesso e volentieri uso la spada (legata invece all’elemento Acqua) perché ho un legame più profondo (che non ti sto a spiegare se no questo post diventerebbe un poema!). In ogni caso, la spada può essere più difficile da reperire e da maneggiare, mentre l’Athame è più comodo, soprattutto se lavori all’esterno, in mezzo alla natura.

♠ CONSACRARE L’ATHAME

L’Athame va consacrato in Luna Calante, con tutti i Quattro Elementi. Questo perché l’Athame controlla le energie che arrivano da ogni direzione.

Fai qualche esercizio di concentrazione e visualizzazione e procurati i simboli per i quattro elementi: candela bianca, ciotola con l’acqua, ciotola con il sale, bastoncino di incenso.

Per ogni direzione, tocca con la lama l’elemento corrispondente e recita una frase per la purificazione. Ti riporto l’esempio scritto da Dorothy Morrison, anche se la sua consacrazione è decisamente più lunga e complicata.

Verso Est, Aria:

Con il potere dell’Aria, la sua leggerezza e libertà

Che tu sia purificato da ogni negatività.

Verso Ovest, Acqua:

Con il potere dell’Acqua, la sua chiarezza e limpidità

Che tu sia purificato da tutta l’oscurità.

Verso Sud, Fuoco:

Con il potere del Fuoco, che tu sia purificato e liberato

da tutto ciò che hai fatto in passato.

Verso Nord, Terra:

Con il potere della Terra sotterrato verrai

e la sua stabilità, ricchezza e allegria assorbirai.

Io, dopo la consacrazione di uno strumento, lo passo con l’henné trasparente e lo lascio in bagno tutta la notte. Anche se sembra un po’ strano, il bagno è la stanza della casa che contiene più spiriti e potere, che si manifestano soprattutto di notte. Lo strumento, se coperto di henné, attirerà solo magie positive, che lo caricheranno di potere, tenendo lontano la negatività.

athame wicca

SCELTI PER VOI

 ∞ Astiriah ∞

Bibliografia: oltre la mia esperienza personale, mi sono aiutata con il libro di Dorothy Morrison. La mia consacrazione è molto più semplice della sua, ma ho pensato di riportare le sue parole durante il rituale.

2 thoughts on “Athame, il controllo delle energie”

  1. fiorenza rossi ha detto:

    X me che non ne sapevo niente o molto poco ma che sono una grande curioso ho trovato l”articolo interessante,esauriente,ha alimentato la mia curiosita”,grazie,buona vita Fiorenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *