GLI ORACOLI POPOLARI

oracoli popolari amore

GLI ORACOLI POPOLARI

Antichissimi, adatti in ogni circostanza, hanno sempre la risposta giusta!

Gli oracoli risalgono all’inizio dei tempi e se ne è sempre fatto ricorso, fino ai tempi moderni. Hai mai provato un metodo oracolare utilizzato dalla tua bisnonna o trisnonna? Ai tempi non c’era molto da fare (niente tv, niente internet, leggere era un lusso…) e ciò che si aveva a disposizione erano i semplici elementi della Natura.

Infatti, se ci pensi tutti gli incantesimi sono composti da elementi naturali, così come i rimedi a molte malattie (influenza, raffreddore…). Così, si prediva il futuro con l’olio (usato anche per togliere il malocchio), con il pane, con il sale (usato anche per purificare), con l’acqua… Bastava osservare la Terra e i suoi eventi: il vento, la pioggia, le nuvole, le stelle e molto altro ancora.

Forse conoscerai i proverbi tipo:

Cielo a pecorelle, pioggia a catinelle;

Rosso di sera, bel tempo si spera; rosso di mattina il mal tempo s’avvicina;

Se fa bello per San Gorgone (6 Settembre) la vendemmia va benone;

Vento da levante acqua diluviante.

Si tratta di saggezza popolare a base oracolare, che hanno un fondamento di verità. Allora perchè non provare anche altro? Di seguito, ecco qualche oracolo popolare!

MATRIMONIO

Se una ragazza vuole sapere se e quando si sposerà, avrà la risposta da un pendolino molto particolare:

Il filo dev’essere lungo quanto il capello della richiedente e all’estremità dev’essere legata la fede nuziale della mamma o della zia o della nonna.

Prendi un bicchiere d’acqua riempito a metà, poi metti l’anello ad un centimetro dal bordo dell’acqua, mantenendo la mano fermissima. Se l’anello si muove e batte contro i bicchiere, allora il matrimonio ci sarà. Il numero di colpi indicherà il numero di anni. Se l’anello non colpisce il bicchiere, allora c’è da aspettare!

RISPOSTE DAL PRATO

Tra gli oracoli più antichi e forse più conosciuti ci sono i fiori. Tutti abbiamo provato almento una volta il “m’ama, non m’ama” con la margherita.

Lo stesso sistema piò essere usato anche in campi non amorosi, dove il primo petalo significherà “si” e il secondo “no”, e via dicendo.

IL LIBRO TRAFITTO

Sebbene la Chiesa condanni l’arte divinatoria, nell’antichità, in casi importanti, era consentita la trafittura del libro. Venivano usati la Bibbia o il libro dei Canti.

Si alzava la copertina e si trafiggeva la prima pagina con un ago sottilissimo. L’ultima pagina trafitta andava interpretata.

Col tempo vennero usati anche altri libri, come romanzi, novelle, poesie. In questo caso si interpretava solo la frase trafitta.

RACCOLTI DI SALE

I contadini erano soliti interpellare l’oracolo del sale per sapere l’andamento del raccolto, ma questo oracolo può essere usato anche per sapere se si raccoglieranno ricchezze come il denaro.

¤ Prima di andare a dormire metti un pugno di sale sul tavolo e lascialo tutta la notte. Se il giorno seguente il sale è sparso, il raccolto è buono, se resta uguale, il raccolto è scarso.

OLIO RIVELATORE

Prima della moderna medicina, per sapere il sesso del nasciturosi usava versare un cucchiaino d’olio in una tazza di acqua freddissima.

L’olio forma tanti piccoli occhi che si lasciano riposare cinque minuti. Poi si osserva come si uniscono questi occhi.

Se si formava un solo grande occhio, il nascituro sarebbe stato maschio; se gl’occhi si univano solo in parte o restavano comunque distinguibili, allora era femmina.

PANE RIVELATORE

Per conosce la persona che sposerai, consulta la pasta o il pane!

Scrivi i nomi di possibili mogli e mariti papabili su foglietti che impasterai con farina e poca acqua.

Con l’impasto fai tante palline e gettale in una scodella d’acqua.

La prima pallina che si scioglie e viene a galla contiene il nome del futuro coniuge.

∞ Astiriah ∞

#sfumaturedimagia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *