Feste Magiche del Fuoco: Samhain, Halloween

festa del fuoco samhain halloween

♣ Samhain, Halloween, 31 ottobre

Divinità: Ecate, Pan, Persefone, Ade, Morrighan
Erbe: alloro, lavanda, artemisia, noce moscata, salvia
Pietre: ossidiana, onice nera, eliotropio, ametista, opale
Candele: nere o arancioniIncensi: lavanda, gelsomino
Cibi rituali: mele, granoturco, noci, pan di zenzero, vini spezzati, zucca

“Nelle notti antiche i Druidi, armati di un falcetto d’oro, si recavano nelle Selve Sacre di Querce Secolari per raccogliere un ramo di quella pianta che non è una pianta, ma che dalla Folgore pare rigenerata: il Vischio.L’Albero è la Via simbolica che unisce ciò che è in alto con ciò che è in basso, il Vischio che mai affonda radici nella terra, è simbolo della luce divina che discende nel giorno di Samhain.”

Con l’arrivo dei primi freddi si giunge a un punto di svolta nella grande Ruota dell’Anno. Nell’antichità l’inverno era la stagione dei morti, perché le persone pativano il freddo e più difficilmente guarivano dalle malattie. Anche la vita vegetale moriva ma il suolo era il corpo della Madre Terra e i Suoi buchi erano il Suo grembo, dove i semi giacevano per creare poi nuova vita.
Si tratta di un momento di passaggio, dalla luce all’oscurità, dall’estate all’inverno. La Dea scende negli inferi e noi entriamo nel tempo del sogno. Il confine dei mondi si assottiglia e, per una notte all’anno, gli spiriti entrano nella nostra realtà. Questa notte viene chiamata Samhain, che per gli antichi era considerato il capodanno celtico, perché tutto inizia con l’oscurità.

Samhain è il tempo dell’introspezione, il momento di guarire ferite profonde e purificare quegli aspetti della vita che ci deludono. E’ attraverso Ecate che tutto vive e muore. Lei è la luce della luna e la sua oscurità. Signora della vita e della morte, è a Lei che ci appelliamo per eliminare l’oscurità che ci avvolge, i problemi e le difficoltà che ci si presentano. Tramite Ecate possiamo abbattere anche le cattive abitudini e tutto ciò che non va nella nostra vita.

Prendi dei foglietti di carta e scrivici sopra ciò di cui vuoi librarti, poi brucia questi foglietti nel calderone, dove ci saranno anche erbe purificatrici come salvia, rosmarino, cannella, alloro e lavanda.

Durante la notte di Samhain i mondi si sfiorano e anche il nostro potere esplode. Possiamo entrare in contatto con il nostro essere e tramite la divinazione scoprire cosa ci riserverà il nuovo anno.

Accendi una candela nera, concentrati sulla fiamma tramite meditazione e scrivi tutto ciò che ti viene in mente, anche se insensato. Prendi un mazzo di carte o delle rune (si possono anche disegnare le rune su foglietti) e se non l’hai mai fatto, provaci comunque. Mischia le carte e scegline tre dal mazzo. Mentre lo fai, concentrati su ciò che vuoi sapere. La prima carta rappresenta il passato, la seconda il presente e la terza il futuro. Fidati del tuo istinto, perché la divinazione non è solo leggere il significato di una specifica carta ma è rendere materiale quello che è già dentro di te. Se vuoi, puoi incrementare il tuo potere con l’ametista, pietra profetica.

 

♣ curiosità su samhain

Samhain è una festa celtica e significa “fine dell’estate”. In gaelico irlandese indica il mese di novembre, mentre in gaelico scozzese corrisponde alla festività di Ognissanti. In origine i celti avevano due stagioni, una iniziava con Samhain, capodanno celtico, l’altra corrispondeva a Beltane. Anticamente, per festeggiare Samhain, si spegnevano tutte le luci delle abitazioni e si preparava un grande falò sulla collina. All’alba, ognuno prendeva una torcia per accendere il proprio focolare domestico. Gli echi di questa festa permangono ancora oggi, con il nome di Halloween, dove i bambini escono travestiti da spiriti per ricevere offerte (dolcetto o scherzetto) propiziatorie per il nuovo anno.

Anticamente, per festeggiare Samhain, si spegnevano tutte le luci delle abitazioni e si preparava un grande falò sulla collina. All’alba, ognuno prendeva una torcia per accendere il proprio focolare domestico. Gli echi di questa festa permangono ancora oggi, con il nome di Halloween, dove i bambini escono travestiti da spiriti per ricevere offerte (dolcetto o scherzetto) propiziatorie per il nuovo anno.

Il clima di morte e rinascita creato da Samhain incoraggiava la possibilità di contattare le altre dimensioni spirituali tramite la divinazione. Se inizialmente queste arti magiche erano pratiche riservate a stregoni e sciamani, con il tempo divenne una specie di gioco per le fanciulle nubili. In Irlanda, le ragazze lavavano tre volte la loro camicia da notte in acqua corrente, facendola poi asciugare davanti al focolare la vigilia di Samhain. Per tutta la notte lasciavano la porta aperta, perché si credeva che il futuro sposo sarebbe stato costretto ad entrare in casa.

♣ simbolismo di samhain

Frutti tipici di novembre sono le mele e le nocciole. Samhain rappresentava il giorno in cui si celebrava la fine del raccolto delle mele, simbolo sacro a molte tradizioni, e delle nocciole, simbolo di sapienza magica. In molte leggende, questi due frutti rappresentano l’Altro Mondo, in quanto donati agli uomini da divinità o esseri fatati.Il nocciolo era sacro ai celti perché rappresentava la saggezza e la conoscenza. Si narra che in Irlanda, ci fossero nove noccioli che circondavano la sacra sorgente di Connlas, portando frutti e fiori nello stesso momento. Inoltre, il nocciolo è da sempre il legno migliore per costruire le bacchette magiche.
Esistono migliaia di miti e leggende sulla mela. Anticamente, gettare una mela alla persona amata era considerato una dichiarazione d’amore e, nella stessa mitologia greca, Paride doveva offrire la mela alla dea più bella. Nella Bibbia, la mela era il frutto della conoscenza proibita e, nella tradizione celtica, il legno del melo è uno dei nove Legni Sacri dei druidi, usato per i fuochi delle cerimonie sacre. Al suo interno, se tagliata orizzontalmente, la mela nasconde una stella a cinque punte, simbolo sacro. Sicuramente è uno dei frutti più antichi coltivato in Europa e racchiude in se significati profondi che derivano dal suo triplice simbolismo: amore, conoscenza, morte.
Mele e noci venivano utilizzati anche per la divinazione. Le ragazze prendevano delle nocciole e a ognuna davano il nome di un corteggiatore. Poi le arrostivano e la prima che saltava indicava il pretendente adatto come futuro sposo. Si poteva anche tagliare una mela in nove fette, mangiarne otto e lanciare la nona fetta sopra la spalla sinistra. Girandosi immediatamente, si dovevano intravedere le fattezze del futuro sposo.

Simbolo di Samhain è sicuramente la zucca. Dopo essere stata intagliata a forma di testa umana, veniva messa al suo interno una candela. Questa tradizione potrebbe provenire dalle usanze celtiche di collezionare le teste dei nemici. Ma è anche vero che l’inverno era la stagione della morte, proprio come l’Ovest ne era la direzione, mentre l’Est era associato alla vita. Così, la morte era molto vicina e si celebravano gli spiriti dei defunti per garantirgli pace. Infatti, anticamente, i defunti venivano seppelliti con la testa rivolta a Est.

La pianta sacra di Samhain è il Tasso. Albero che possiede corteccia e foglie velenose, è sempre stato utilizzato per costruire archi da guerra e per ornare i cimiteri. Essendo un sempreverde ed estremamente longevo, non rappresenta solo la morte, ma anche l’immortalità.

Come augurio di prosperità per celebrare Samhain:
√ Si consumano sidro di mele e cannella
√ Sul davanzale della finestra o fuori casa lascia un piatto di cibo per le anime dei defunti
√ Lascia una candela accesa per guidare gli spiriti verso il Giardino del Destino
√ Prova la divinazione, questo è il momento di imparare
√ Invita amici a cena e intaglia zucche
√ Fai nuovi progetti e abbandona ciò che è vecchio e inutile

l

∞ Astiriah ∞

#sfumaturedimagia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *