Brigit, il Fuoco dell’ispirazione

dea brigit brighid kildare imbolc

Brigit (pronunciato Brighit) è una figura che troviamo sia nell’antica mitologia celtica, sia nella tradizione cattolica: due entità che sembrano avere molto in comune.

La Brigit celtica è una dea del fuoco, inteso come ispirazione, focolare e guarigione. Ma Ella è anche la dea del Cuore, capace di riaccendere la fiamma della passione che vive dentro di noi. Brigit è una divinità speciale, capace di calmare i cuori infranti e moltiplicare ciò che amiamo di più.

Colei che divenne Santa Brigida, invece, visse dal 452 al 524 d.C. e sembra che la sua vita sia effettivamente stata toccata dalla Dea Brigit, con cui ha moltissimo in comune. Santa Brigida proviene da Kildare, dove ancora oggi viene acceso il Fuoco Divino in suo nome. La sua vita fu toccata dal fuoco divino in giovane età e molte delle sue vicende presentano legami con esso. Veniva spesso chiamata “Maria dei Celti”, perchè ovunque andasse tutto prosperava.

Per capire la natura complessa di questa splendida Dea, conosciamola meglio, anche in associazione con la sua controparte umana.


BRIGIT, COLEI CHE FA MIRACOLI

C’era una volta una bellissima ragazza che viveva con la madre allevando bestiame. Il suo nome era Brigit, il suo temperamento era impetuoso come quello di una Dea e la sua dolcezza scaldava il cuore di chiunque guardasse il suo sorriso. Come prevedibile, fu chiesta in sposa da un giovane del villaggio, ma Brigit sapeva che non era nel suo destino e rifiutò dicendo che non avrebbe mai potuto sposarsi, perchè aveva una missione importante. Nessuno l’avrebbe distratta dal suo cammino, perchè in lei ardeva il fuoco della determinazione, e fu così che decise di entrare nell’ordine delle suore di Telch Mide per cominciare la sua missione.

Giunta davanti al vescovo, per proseguire la sua iniziazione di suora, l’uomo rimase sbalordito nel vederla. Infatti, la notte prima, egli aveva sognato la madre di Dio e il suo volto era tale e quale a quello di Brigit. Fu da quel momento che ella iniziò ad essere chiamata Maria dei Celti. Ma ci fu un’altra cosa che allarmò e sorprese tutti: durante la cerimonia per prendere i voti, il perlato lesse le parole sbagliate e la proclamò Madre Badessa invece di suora. Lo stupore e l’indignazione fu eclatante, ma davanti allo spettacolo che colse gli occhi dei presenti, non ci furono più dubbi. Brigit era avvolta da una luce simile a fuoco vivo. Lei era stata scelta.

Brigit possedeva moltissimi doni e la voce sui suoi miracoli si sparse ovunque. Ella curava i lebbrosi, guariva i ciechi e il suo tocco fu paragonato a quello di Re Mida per via dell’abbondanza che portava la sua sola presenza. Si narrava che la sua ombra guarisse gli altri e che se toccava del latte o dell’acqua, chiunque li bevesse sarebbe stato soggetto a miracoli. Per poter accogliere tutti coloro che desideravano la sua benedizione o semplicemente godere della gioia che trasmetteva, Brigit decise di costruire una sua abbazia a Kildare, terra che un tempo era luogo di cerimonie dei druidi.

Quando l’abbazia fu costruita, Brigit accese un fuoco e pregò ad alta voce: “Possa questa luce bruciare sempre nel mondo e che non le sia mai permesso di spegnersi”. Ancora oggi la fiamma di Brigit splende a Kildare.

Ti lascio il sito ufficiale del Fuoco di Kildare: http://www.ordbrighideach.org/


IL FUOCO DI KILDARE PERSONALE

Brigit, che significa “colei che esalta se stessa”, è la Dea della Fiamma Sacra di Kildare. Ancora oggi esistono ordini votati a mantenere acceso il fuoco di Brigit, custodi del Fuoco Sacro che vegliano sulla fiamma per 22 giorni.

La prossima volta che hai un problema o senti il cuore triste, prendi una candela gialla o oro, sietiti e accendila.
Rilassati e confidati con Brigit, raccontale i tuoi dispiaceri e ciò che senti dentro di te.
Brigit è una madre premurosa e gentile, capace di consolarti e allietare il tuo cuore.
Sfrega le mani per scaldarle e posale sul petto. Brigit ti darà il Suo calore tramite le mani. Senti il Suo amore e fallo tuo, affinché renda più felice il tuo essere.


BRIGIT, LA DEA CELTICA

Brigit è una dea adorata in tutta Europa già prima dell’avvento del cristianesimo. Dea del fuoco, dell’ispirazione e della guarigione, il Suo aspetto è trino e molto venerato nella tradizione celtica.

La dea Brigit è figlia di Dagda, dio celtico dei Tuatha de Danan. Per avere il suo favore, le donne gravide si recavano vicino a una fonte e accendevano un fuoco in Suo onore. Molte sorgenti sono ancora oggi sacre a Brigit, come è rinomata l’acqua sacra di Santa Brigida, dove avvengono ancora pellegrinaggi per via delle sue proprietà guaritrici.

La Sua festa cade proprio il giorno di Imbolc, conosciuto anche come Calendora o Candlemas. Si tratta della festa della fertilità, dove si celebra la lattazione e la nascita del bestiame, cose di cui si occupava anche Brigida.

Durante questa festa, Brigit veniva rappresentata da una bambola fatta di granoturco. Le fanciulle, vestite di bianco, offrivano a questa bambola: latte, cibo e ciò che rappresentava abbondanza, per ricevere così il favore della Dea e la prosperità per tutto l’anno.

Inoltre, la casa veniva pulita da cima a fondo (le classiche pulizie di primavera!), poi le donne si riunivano per dare il benvenuto alla Dea. La donna più anziana, che rappresentava la Dea nel suo aspetto oscuro, spegneva il fuoco del camino e puliva tutto, mentre una ragazza, sempre vestita di bianco, entrava dalla porta principale con una candela e riaccendeva il camino, per simboleggiare l’arrivo della giovane Dea e della primavera.


ARCHETIPO

Brigit rappresenta un Archetipo molto complesso, che racchiude in se le tre fasi della crescita di una donna: fanciulla, madre, anziana. L’Archetipo di Brigit può aiutarci attraverso l’ispirazione, se stiamo cercando la nostra strada nel mondo o se abbiamo bisogno di creatività e nuove idee. La sua determinazione può accendere quella fiamma che è già dentro di noi e che a volte abbiamo paura di seguire. In quanto madre, può sostenerci come figlie e anche come madri, attraverso la sua compassione e l’amore verso il prossimo. Non dimentichiamo, inoltre, che Brigit è anche la dea del Cuore, è nessuno meglio di Lei può colmare le nostre ferite e guarirle, rendendoci ancora più forti e determinate!


BRIGHID E IL MITO DI AVALON

Si narra che Excalibur, l’invincibile spada di re Artù, sia stata creata dalla Signora del Lago, figura solitamente associata a Brighid, vista la Sua associazione con il fuoco, che crea e distrugge ogni cosa, e il Suo essere forgiatrice divina. L’arma prediletta che sconfigge le avversità e protegge la Terra Sacra, fa di Brighid la patrona dei guerrieri, facendo riemergere ancora una volta il Suo essere oscura per salvaguardare la creazione.
Ma Excalibur non è l’unica cosa che associa Brighid al mito di Avalon. Come per l’Isola delle Mele, Brighid possedeva un meleto nell’aldilà, dove le api andavano per ottenere del nettare magico.
Brighid è una figura complessa ma anche una divinità completa, nel Suo essere Dea dal triplice aspetto, legata a molte tradizioni e a molti simboli della Natura.


FASCINAZIONE DI BRIGIT

Fondotinta dorato

rossetto albicocca

smalto rosso brillante

nastri rossi e dorati sui capelli

collana con ciondolo a cuore o medaglione dorato

abiti verdi o floreali

look spettinato

 

 ∞ Astiriah ∞

One thought on “Brigit, il Fuoco dell’ispirazione”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *